Il trattamento TR-Dinamico

Posted by CLE user
Category:

Anche se priva di effettive evidenze cliniche, di studi scientifici randomizzati, in doppio cieco, etc. etc. etc. , sono indiscusse le proprietà terapeutiche positive di una TERAPIA DEL CALDO ENDOGENA nei vari ambiti fisioterapici e come valido aiuto per il trattamento di varie patologie.

A mio avviso però è giusto conoscerne anche gli aspetti LIMITANTI.

Tra gli aspetti POSITIVI possiamo contare:

  • Produzione di effetto termico
  • Effetti termici endogeni importanti
  • Aumento della vascolarizzazione nel tratto compreso tra gli elettrodi
  • Effetto antalgico
  • Effetto antiedemigeno
  • Effetto biostimolante
  • Effetto miorilassante

Tra gli aspetti LIMITATIVI possiamo indicare:

  • Geometrie di lavoro IMPOSTE
  • Terapia non precisa sul punto focale di trattamento
  • Il paziente si deve adeguare alla terapia e non il contrario
  • Effetti altamente SOGGETTIVI a causa dell’impedenza fisiologica
  • Distribuzione e dislocazione  dell’energia non controllata e  non omogenea
  • Interessamento a volte non voluto di parti sensibili e delicate
  • Effetto terapeutico non duraturo nel tempo
  • Difficile GESTIONE DELL’IMPEDENZA CIRCUITALE a causa della dinamicità del trattamento
  • Difficile gestione della POTENZA

E’ risaputo infatti che sullo stesso paziente in momenti diversi, proprio per tutte le variabili che abbiamo visto negli articoli precedenti, puoi avere o non avere un risultato soddisfacente.

Proprio per questo motivo, una metodica che possa LIMITARE (non togliere) queste variabili il più possibile va assolutamente ricercata per poter avere il massimo potenziale terapeutico.

Una soluzione è senza dubbio il metodo TR-DINAMICO

      

Semplicemente hai la possibilità di svincolarti dalla piastra di riferimento fissa.

La tua piastra di riferimento è un manipolo sul quale viene un elettrodo di acciaio DI DIAMETRO MAGGIORE O UGUALE a quello che monterai sul secondo manipolo.

Chiaro è che se vuoi effettuare un trattamento CAPACITIVO monterai un elettrodo ISOLATO.

Se vorrai approcciare ad un trattamento RESISTIVO monterai un elettrodo DI ACCIAIO.

In questo modo puoi ottenere i seguenti benefici:

  1. Le GEOMETRIE non imposte
  2. La terapia si ADEGUA al paziente e non il contrario
  3. Il CONTROLLO della dislocazione delle linee di flusso
  4. Valori di IMPEDENZA più bassi
  5. La CERTEZZA del punto focale applicativo
  6. Utilizzo di POTENZE più basse

 

CARUSO DENIS

 

Lascia un commento