LE VERIFICHE DI SICUREZZA DEL BIOMEDICALE (la documentazione parte seconda)

Posted by CLE user

In un articolo già pubblicato, abbiamo parlato di quanto importante sia la chiarezza della documentazione relativa alle verifiche di sicurezza elettrica delle apparecchiature.

Questa caratteristica è fondamentale anche per i documenti relativi alle verifiche secondo le norme particolari, ovvero quelle procedure che determinano se una tipologia di apparecchio ha ancora una buona IDONEITA’ TERAPEUTICA.

Per una mia personale esperienza, un documento di questo tipo NON deve riportare solamente

  1. Intestazione del proprietario
  2. Dati di targa dell’apparecchio
  3. Esito della prova

Un documento che riporta solo questo non da garanzia di una perfetta verifica a regola d’arte.

Oltre ai dati sopra riportati, a mio avviso risulta fondamentale (per garantire una perfetta metodica di verifica) che compaiano anche i seguenti dati:

  1. Indicazione della normativa di riferimento
  2. Indicazione dello strumento di misura utilizzato per la prova con tanto di numero di matricola di riconoscimento, il numero di certificato di taratura periodico e la data di esecuzione
  3. Dettaglio delle misurazioni effettuate, in particolare:
    • indicazione del valore dichiarato
    • indicazione del valore rilevato
    • scarto percentuale, valore da comparare con quanto previsto dalla normativa di riferimento

Solo in questo modo il documento sarà di facile lettura ma nello stesso tempo un documento che certifica al 100% la correttezza e la trasparenza delle misure effettuate

Allego due esempi di certificati di verifiche secondo le norme particolari:

CONTROLLO FUNZIONALE LASER

CONTROLLO FUNZIONALE ULTRASUONI

Lascia un commento