POSEIDON

BTS POSEIDON rende veloce, oggettiva e ripetibile la valutazione funzionale del paziente con disturbi posturali e della colonna e dei singoli distretti corporei

BTS POSEIDON è un sistema mobile e compatto progettato per rendere più semplice e rapida l’analisi della postura e del movimento in ambito clinico, direttamente nella palestra di riabilitazione. BTS POSEIDON permette di definire il livello di limitazione funzionale e di disabilità conseguente alla patologia, seguirne l’evoluzione e valutare nel tempo gli effetti dei diversi trattamenti terapeutici.

 

Come funziona
BTS POSEIDON, mediante tre telecamere a raggi infrarossi, 
rileva istante per istante i movimenti dei pazienti durantel’esecuzione di specifici esercizi. Una serie di protocolli integrati pronti all’uso ne calcola poi i parametri principali (i.e. traiettorie, angoli, accelerazioni), raccolti in un report accurato e di facile interpretazione che fornisce tutte le informazioni morfologiche e cinematiche dei segmenti corporei presi in esame.
 


Applicazioni

BTS POSEIDON è indicato per tutte le strutture cliniche che si occupano del trattamento di problematiche posturali o della cura di patologie neuromotorie che richiedono la valutazione funzionale degli arti superiori o inferiori.

 

  • Valutazione dei deficit motori ed efficacia delle terapie fisiche e farmacologiche
  • Asimmetrie corporee e disallineamenti strutturali
  • Algie e instabilità vertebrali
  • Crolli e deformità vertebrali
  • Disturbi dell’equilibrio
  • Valutazione dell’efficacia di ortesi spinali

 

 

Protocolli

 

Analisi della mobilità cervicale
Ha lo scopo di valutare la cinematica del tratto cervicale nelle condizioni di maggior isolamento possibile.
Esecuzione
Il paziente, seduto, esegue movimenti di rotazione, latero-flessione e flesso-estensione del capo.
Output
Il protocollo permette di calcolare la mobilità del tratto cervicale (ROM), la velocità e l’accelerazione angolare. È possibile inoltre effettuare un’analisi qualitativa del movimento tramite il calcolo della distribuzione in frequenza del segnale.

Analisi della mobilità del tronco
Permette di valutare la morfologia e la cinematica del rachide in modo globale e segmentario, esaminando i tratti della colonna vertebrale compresi fra C7 ed S2 durante i movimenti singoli o ripetuti di bending laterale, flesso-estensione e rotazione del tronco.
Esecuzione
Il paziente, in piedi, esegue movimenti di bending laterale, estensione lombare, flessione anteriore e rotazione del tronco.
Output
Il protocollo consente di valutare la morfologia del rachide calcolando gli angoli di curvatura sul piano frontale (scoliosi) e sagittale (lordosi, cifosi) e la mobilità sia dell’intero rachide (tratto C7-S2) sia dei singoli segmenti (ROM), la velocità e l’accelerazione angolare di ogni singolo segmento, le frecce della curva cervicale, dorsale e lombare.

Valutazione ortesi spinale 
Lo scopo del protocollo è quello di de¬finire l’efficacia del ricorso ad ortesi di iperestensione a tre punti del tronco.
È possibile valutare il grado di iper¬cifosi dorsale e la relativa correzione ottenuta tramite l’ortesi.
Esecuzione
Ortostatismo con e senza ortesi.
Output
il protocollo permette di calcolare il grado di cifosi dorsale con e senza ortesi, la velocità e l’accelerazione angolare.

Postura e stabilometria

È un protocollo “totalbody” usato per valutare la morfologia del soggetto. Se presente, integra i dati provenienti da una pedana stabilometrica. L’analisi può essere effettuata ad occhi aperti e ad occhi chiusi, con appoggio mono o bipodalico. Effettuabile anche in modalità semplificata.
Esecuzione
Ortostatismo.
Output
Morfologia del rachide sul piano frontale (angolo di scoliosi superiore ed inferiore) e sagittale (angolo di cifosi e lordosi).
Traiettoria descritta sul piano trasversale del baricentro corporeo (sway), con relativi valori di oscillazione antero posteriore e latero-laterale nel tempo di esecuzione del test.